giovedì , 19 ottobre 2017
Thumbnail for 9716

Matthew Perry di Friends rivela: per 30 anni sono stato un alcolista

Trent’anni in un secondo. Sono quelli che, con un inaspettato (per i più) coming out riportato dal sito web “Metro.co.uk”, l’attore americano Matthew Perry, celebre per aver vestito i panni del personaggio di Chandler nella popolare serie tv “Friends”, ha voluto rivivere con il suo pubblico, raccontandone il lato oscuro segnato dalla dipendenza da alcol e farmaci. Nei meandri di quei tre decenni trascorsi tra sbornie e medicinali vari, per circa due lustri Perry è stato uno degli interpreti più amati e pagati di Hollywood, uno status che all’epoca lo portava (invano) a cercare di nascondere il suo terribile segreto: “Sono una persona abbastanza riservata ma recitavo in una serie tv con 30 milioni di spettatori. La gente sapeva”.

Ora che ha sulle spalle 46 primavere, è ancora un protagonista del piccolo schermo con il serial “The Odd Couple” e i tempi di “Friends” sono lontani undici anni, – lo show ha chiuso i battenti nel 2004 – invece l’attore non ha più paura di aprirsi e di far riemergere gli eventi di quella lunga e brutta stagione in cui, nella fase più acuta della sua patologia, arrivava a consumare un litro di vodka e oltre trenta pillole al giorno. Nella sua confessione menzionata dal portale inglese, perciò, Perry non ha omesso di ricordare neppure i due periodi passati in rehab tra il 1997 e il 2001, due prove che non bastarono per guarirlo dalla sua ossessione, ora comunque finalmente superata: “D’altronde – ha spiegato ancora a “Metro” l’interprete di origine canadese – non puoi pensare di avere problemi di dipendenza per 30 anni e risolverli in 28 giorni”.

Recuperato pienamente e restituito a una vita serena e priva di eccessi, – “L’aspetto migliore è che un alcolista può venire da me e dirmi: “Mi puoi dare una mano?” e io posso rispondergli: “Sì, posso” – attualmente, oltre che continuare a recitare, Perry è impegnato nel sostegno della “Phoenix House”, struttura californiana che aiuta gli etilisti a fare i conti con i propri demoni. “Sono stato molto commosso dalla speranza che ho visto in quel luogo – ha affermato in un video pubblicato dall’”Hollywood Reporter” -. Tornare sobri è una cosa molto difficile da realizzare”.

– ’ ’ ,